NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

La città unica deve unire, collegare, connettere, mettere in rete per aumentare la sua capacità di attrarre (risorse, investitori, interessi, eventi, turisti, ecc.). Deve pertanto operare come moltiplicatore delle risorse disponibili sul territorio, creando rete e quindi collegamenti e collaborazioni virtuose tra i diversi punti della rete. Corigliano-Rossano deve diventare il baricentro il polo di riferimento di un sistema territoriale più ampio. In particolare, in alcuni settori strategici: il potenziamento dell’offerta turistica deve trovare un nuovo slancio dalla messa a sistema del patrimonio storico-culturale-architettonicoarcheologico- religioso-ambientalepaesaggistico- balneare-enogastronomico diffuso nel territorio, nonché dalla collaborazione tra tutti gli operatori del settore nel comunicare, diffondere e promuovere un’immagine attrattiva della città.

Si configura una vera e propria operazione di marketing territoriale, capace di posizionare Corigliano-Rossano in un circuito turistico di qualità. L’obiettivo è quello di agganciare il nord-est della Calabria al circuito pugliese e lucano, che attualmente, anche grazie al boom turistico del Salento ed a Matera Capitale Europea della Cultura 2019, attrae flussi turistici nazionali ed internazionali.

Il settore agricolo e della pesca potrebbe avere grande giovamento da azioni che favoriscano la costituzione di una filiera completa che comprenda produzione, prima trasformazione, commercializzazione e vendita. Un obiettivo prioritario è la creazione di un marchio territoriale che potrebbe favorire il collocamento sui mercati nazionali e internazionali dei prodotti locali e che potrebbe avere ricadute positive anche in termini di turismo enogastronomico. Sarà inoltre necessario mettere in atto azioni rivolte a sostenere i piccoli produttori, attraverso azioni di aiuto e accompagnamento ad essi dedicate.

Sarebbe utile costruire un calendario degli eventi unico che organizzi, coprendo tutte le parti del territorio e tutto l’arco dell’anno, manifestazioni, feste, sagre, eventi culturali, evitando sovrapposizioni, anzi generando sinergie virtuose tra un evento e l’altro. In quest’ottica sarebbe importante organizzare uno spazio adatto ad ospitare eventi di grande respiro, un vero e proprio spazio fieristico da localizzare in contenitori dismessi o sottoutilizzati del territorio comunale.

Inoltre è necessario incrementare il decoro urbano, lavorando sulle diverse porzioni di territorio, nel rispetto delle caratteristiche specifiche dei luoghi, per arrivare gradualmente ad un’immagine riconoscibile e attrattiva della città unica. Non è sufficiente lavorare solo sui centri storici e sulle parti centrali degli scali, ma bisogna estendere l’azione di riqualificazione urbana a tutto il territorio comunale, comprese le periferie urbane, le zone litoranee e le frazioni montane (anche attraverso il recupero di strutture esistenti e il completamento di opere non finite).

 

Scrivi la tua proposta

Come immagini la Corigliano-Rossano che verrà? Scrivi il tuo contributo e inserisci nome e cognome e email: il tuo contributo potrebbe entrare nel programma di governo della coalizione!


Le proposte ricevute  

#3 Nunzio 2019-04-06 09:25
Creare con una decisione shock (come sei capace) un mercato ortofrutticolo svincolato dall'interdipendenza del trasporto su ruote. Esso potrebbe sorgere nei pressi di Turio dove esiste una stazione ferroviaria in disuso, ma facilmente attivabile, che abbinata con i progetti di sviluppo della ferrovia Jonica , proposti da altri enti, proietterebbe le potenzialità del territorio verso sviluppi non immaginabili. I dati riportati anche su Wikipedia riportano, questo territorio puù paragonabile alla California che ad un territorio Italiano. ..... riuscirà il futuro Sindaco di questa realà a sfruttare questa congiunturà? ...come hanno saputo fare i cittadini e tutti i protagonisti della Città Unica fino ad ora ?
Citazione
#2 Reale Marika 2019-04-06 07:47
Anche la città più insignificante se tirata a lucido e curata diventa bella e attraente . Le prime energie e sinergie devono concentrarsi sul decoro che deve essere " prioritario " senza SE e senza MA . Nessun rimandare , nessuna scusante deve bypassare l' importanza del decoro , del rispetto dell' ambiente, attraverso il buon esempio, la intransigenza a punire L inciviltà , ognuno dovrà imparare ad amare la nuova città . Attività sociali , manifestazioni , eventi dovranno avere unico comune denominatore: facciamo bella la città !
Citazione
#1 Luigi Sisca 2019-04-03 18:48
Bisognerebbe creare un mercato agricolo con indirizzo agrumario, ittico,alimentare dei prodotti di produzione locale e d.o.c. per una rivalutazione dei nostri agrumi in primis il clementino, come il bordo ha i suoi mercati per le mele, anche noi dovremmo avere il nostro per i nostri eccellenti prodotti e costringere il centronordo a venire qua da noi a comprare
Citazione